Fatturazione Elettronica

Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on Reddit

La fatturazione elettronica fa riferimento ad un sistema digitale che prevede l’emissione, la trasmissione e la conservazione del documento rilevante ai fini Iva.
Tale sistema di fatturazione raggiunge in Italia la piena operatività inizialmente con l’obbligo di fatturare nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni.
Dallo scorso anno (2017) è stata prevista la facoltà di utilizzare la fattura elettronica tra privati e l’ultima Legge di Bilancio (Legge n. 205 del 27 dicembre 2017) ha previsto l’obbligo di fatturazione elettronica (generalizzato) per tutti i soggetti Iva, con l’esclusione di alcune categorie, a partire dal 1° gennaio 2019.

TEMPI

Le novità comporteranno che la fattura elettronica sarà obbligatoria:
• dal 1° luglio 2018 per:
per le cessioni di carburante da parte dei soggetti diversi dagli esercenti gli impianti di distribuzione stradale;
per le prestazioni dei subappaltatori e dei subcontraenti nell’ambito di un appalto pubblico;

• dal 1° settembre 2018 per le cessioni a turisti extraUE rientranti nell’ambito del “tax free shopping”;

• dal 1°gennaio 2019 per tutti gli operatori, ad eccezione dei contribuenti minimi/forfettari. Sono escluse inoltre le operazioni effettuate/ricevute verso/da soggetti non stabiliti in Italia.

Il DL 79/2018 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 28 giugno 2018) ha disposto la proroga del termine di entrata in vigore degli obblighi di fatturazione elettronica per le cessioni di carburante. In particolare, il Dl ha previsto per le cessioni di carburante per autotrazione da parte degli esercenti gli impianti di distribuzione stradale:
• la possibilità fino al 31 dicembre 2018 di utilizzare la scheda carburante (ma, per la detrazione dell’Iva e per la deduzione della spesa, è necessario avvalersi di mezzi di pagamento tracciabili).
• dal 1° gennaio 2019, anziché dal 1° luglio 2018 l’obbligo di emissione della fattura elettronica

SOLUZIONI

SISECO ed impresoft hanno predisposto le soluzioni ERP (StarNet, Star4, StartyERP) per supportare al meglio il processo di trasformazione digitale previsto dall’introduzione della E-Fattura.

Guida Tascabile Fatturazione Elettronica (PDF)

oppure contattaci al numero 800 944 599 oppure richiedi info.

 

NORMATIVA ed UNIONE EUROPEA

L’utilizzo della fatturazione elettronica generalizzata è stato anche autorizzato dall’Europa con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 19 aprile 2018, della Decisione di esecuzione (Ue) 2018/593 del Consiglio del 16 aprile 2018.
L’Italia è stata autorizzata a introdurre la “misura speciale di deroga” agli articoli 218 e 232 della 9 direttiva 2006/112/Ce relativa al sistema comune dell’Iva. In tal modo ricevono “copertura europea” le disposizioni sulla fattura elettronica previste dalla Legge di Bilancio 2018.
L’obbligo della fatturazione elettronica tra privati consiste in una evoluzione e allargamento di quello già esistente verso la Pubblica Amministrazione, e tra gli altri vi è anche lo scopo di aumentare la capacità dell’Amministrazione Finanziaria di prevenire e contrastare in modo efficace l’evasione fiscale.
Con tale ed altre motivazioni è stata chiesta la deroga all’Europa secondo quanto previsto dalla Direttiva 2006/112/Ce per l’applicazione della fattura elettronica generalizzata.
Non verranno dunque modificate le modalità di trasmissione che avverranno attraverso il Sistema di Interscambio (SDI), il formato XML, nonché l’obbligo di conservazione.
L’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni importanti chiarimenti sul tema della fatturazione elettronica con due documenti di prassi del 30 aprile 2018, un Provvedimento e la Circolare n. 8/E.
Il Provvedimento si occupa delle regole di emissione e ricezione delle fatture elettroniche, la Circolare invece si concentra sulla cessione di carburanti e sulle relative modalità di pagamento e fatturazione, effettuando un cenno alle misure dettate in materia di contratti d’appalto tema sul quale vi sarà un ulteriore documento di prassi.

La fattura elettronica è un documento digitale, introdotto con la Legge Finanziaria 2008, il cui scopo è quello di prevedere un quadro normativo e tecnologico adeguato per gestire in maniera telematica il sistema di fatturazione e di controllo fiscale. Tale documento viene trasmesso dal mittente, in formato digitale, e conservato nello stesso formato.

Come per il documento tradizionale, vi è un soggetto fornitore (di un bene o servizio) che emette il documento e il destinatario del bene o servizio (acquirente) che riceve il documento trasmesso.
Il formato in cui le fatture elettroniche devono essere prodotte, trasmesse, archiviate e conservate è un formato digitale chiamato XML (eXtensible Markup Language) ovvero un linguaggio informatico che consente di definire e controllare il significato degli elementi contenuti in un documento, verificando così le informazioni ai fini dei controlli previsti dalla legge.
Dal punto di vista del contenuto, le fatture elettroniche non differiscono dalla fattura tradizionale, dal punto di vista formale la fattura elettronica ha lo stesso valore legale della fattura cartacea.
La fatturazione elettronica presenta diversi vantaggi, tra i quali si annovera sicuramente l’automazione e l’integrazione dei processi tra le parti che la utilizzano, determinando una riduzione e ottimizzazione dei costi, una riduzione del rischio di falsificazione e duplicazione e la riduzione degli errori nei pagamenti e dei tempi di pagamento.
Chi emette ma anche chi riceve la fattura elettronica (a condizione che questa sia elaborabile dai sistemi informatici) è anche agevolato nella “lavorazione” del documento nell’ambito della dematerializzazione dei processi, punto, quest’ultimo, che rileverà in modo particolare dal momento in cui sarà obbligatoria la fatturazione elettronica generalizzata verso i privati.
Va sottolineato, in quanto fattore di non poco conto, il contributo che la fatturazione elettronica generalizzata apporterà in termini di riduzione dell’evasione fiscale con i relativi vantaggi (risparmi derivanti da un incremento dell’efficienza dei controlli) per la comunità.
Infine non si devono dimenticare le agevolazioni e semplificazioni fiscali previste in conseguenza del suo utilizzo.

IN SINTESI

Si dovrà emettere fatture in formato XML ed inviarle, firmate digitalmente, allo SDI (della Sogei) ed infine provvedere alla loro “conservazione sostitutiva”. Sarà il sistema stesso, una volta controllato il tutto, a inviare il file al destinatario.

Purtroppo tutti o quasi vorranno anche la “copia di cortesia“, nel vecchio formato carta o PDF.
L’obbligo di fatturazione elettronica, con gran sollievo di molti, non coinvolgerà tutti, almeno inizialmente.

Gli esclusi saranno anzi numerosi: secondo una stima del Sole 24 Ore inizialmente SOLO la metà delle partite Iva del nostro Paese dovrà adattarsi alle nuove procedure. Sarà per tutti solo dal 1° gennaio 2020.

E’ notevole infatti il rischio privacy dato che tutti i dati “di dettaglio” (clienti, condizioni commerciali, descrizioni, importi di dettaglio, …) delle fatture saranno in mano agli intermediari in formato digitale e strutturato.

Nei prossimi mesi lavoreremo tutti affinché i benefici derivanti siano maggiori delle criticità e dei problemi, sperando che l’intero sistema paese venga spingo in avanti verso un uso più consapevole delle nuove tecnologie, fondamentali per risparmiare e semplificare i nostri rapporti con la macchina statale.

 

 

I nostri dati per la fatturazione elettronica

  • PEC: amministrazione@pec.siseco.it 
  • Codice Destinatario: T04ZHR3

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.